Sezioni   Naviga Articoli e Testi
stampa

 

        Inserisci una voce nel rettangolo "ricerca personalizzata" e premi il tasto rosso per la ricerca.

Dante, Inferno Canto XVII. Gli usurai

Nel XVII canto siamo ancora nel III girone del VII Cerchio, dove sono puniti i violenti contro Dio (tra cui gli usurai). È l'alba di sabato 9 aprile (o 26 marzo) del 1300.

«Canto XVII, nel quale si tratta del discendimento nel luogo detto Malebolge, che è l’ottavo cerchio de l’inferno; ancora fa proemio alquanto di quelli che sono nel settimo circulo; e quivi si truova il demonio Gerione sopra ’l quale passaro il fiume; e quivi parlò Dante ad alcuni prestatori e usurai del settimo cerchio.»
(Anonimo commentatore dantesco del XIV secolo)

Virgilio presenta a Dante Gerione come una belva dalla coda appuntita, che è in grado di arrivare ovunque e ovunque porta il suo fetore. Il maestro fa cenno al mostro di avvicinarsi all'orlo del baratro, presso l'argine roccioso dove sono i due poeti; Gerione obbedisce appoggiando testa e busto sulla roccia e tenendo la coda nel vuoto. Ha il volto di un uomo giusto, il corpo di serpente, due zampe pelose e artigliate che arrivano alle ascelle; il dorso e il petto sono dipinti con nodi e rotelle multicolori, simili ai tessuti di Tartari e Turchi. Dante paragona l'animale a un burchiello, la barca che approda tenendo una parte in acqua, e al castoro che nei paesi germanici attende la preda emergendo in parte dal fiume. Gerione leva in alto la coda che ha in punta una specie di pinza velenosa che ricorda quella di uno scorpione e Virgilio invita il discepolo ad avvicinarsi al punto dove il mostro è giunto, cosa che i due fanno scendendo dall'argine roccioso e procedendo sull'orlo del Cerchio, che li protegge dalla sabbia e dalla pioggia di fiamme.
Quando i due raggiungono Gerione, Dante nota, poco lontano, dei dannati (gli usurai) seduti nel sabbione infuocato, vicini all'orlo estremo del Cerchio. Virgilio invita Dante ad andare da solo a osservare questi peccatori, raccomandandogli di essere rapido mentre lui cercherà di convincere Gerione a portarli sulla sua groppa in fondo al burrone.
Dante procede quindi da solo sull'orlo del Cerchio fino agli usurai, che piangono per il dolore e usano le mani per ripararsi dalle fiamme e dalla sabbia, proprio come fanno d'estate i cani col muso e le zampe per difendersi da mosche e altri insetti molesti. Dante osserva i dannati senza riconoscerne alcuno, tuttavia vede che ognuno di loro porta al collo una borsa con sopra lo stemma della loro famiglia, che ogni spirito non smette di guardare; i dannati sono costretti a guardare la borsa che serve per conservare il denaro. Il poeta vede un peccatore la cui borsa reca lo stemma di un leone azzurro su fondo giallo (i Gianfigliazzi), mentre un altro ha una borsa che reca un'oca bianca in campo rosso (gli Obriachi).
Dante vede inoltre un altro usuraio, la cui borsa ha una scrofa azzurra in campo bianco (Reginaldo Scrovegni), il quale lo apostrofa chiedendogli cosa fa all'Inferno da vivo e invitandolo ad andarsene. Il dannato predice inoltre la futura dannazione del padovano Vitaliano del Dente e del fiorentino Giovanni di Buiamonte, come del resto fanno gli altri dannati fiorentini che stanno insieme a lui. Alla fine del discorso egli tira fuori la lingua, come un bue che si lecca il naso.
Dante teme che se si tratterrà oltre irriterà Virgilio, quindi torna indietro e trova il maestro già salito in groppa a Gerione, intento a raccomandargli di essere coraggioso. Virgilio lo invita a salire davanti, perché lui si frapponga tra il discepolo e la coda velenosa del mostro. Dante è colto da paura e trema come chi è colpito dal ribrezzo della febbre quartana, tuttavia l'ammonimento di Virgilio lo spinge ad eseguire l'ordine e si siede sulle spalle di Gerione. Dante vorrebbe chiedere al maestro di tenerlo forte, ma questi interpreta il suo desiderio e lo abbraccia; poi Virgilio invita Gerione a muoversi e gli raccomanda di scendere in fretta, compiendo larghi giri nell'aria. Il mostro obbedisce e si allontana dalla parete rocciosa come una navicella che lascia la proda, quindi allunga la coda al petto come un'anguilla e inizia a nuotare nell'aria con le zampe pelose. Dante non vede altro che il buio intorno a sé e capisce di trovarsi nel vuoto, quindi è terrorizzato come quando Fetonte guidò il carro del Sole incendiando il cielo e come quando Icaro volò troppo vicino al Sole nonostante i richiami del padre Dedalo. Gerione scende lentamente e Dante non se ne accorge se non per l'aria che lo colpisce al viso e alle gambe; sente da destra lo scroscio del Flegetonte, si sporge e vede che si avvicina un luogo dove ci sono fuochi e pianti, per cui capisce che la discesa è quasi terminata. Infatti Gerione si posa sul fondo del burrone, come un falcone richiamato dal falconiere scende lentamente a terra compiendo larghi giri nell'aria; il mostro depone i due poeti a terra, quindi si dilegua come una freccia scoccata dalla corda di un arco.
Il Canto chiude idealmente la prima parte della Cantica, in cui Dante ha mostrato i peccati di eccesso, di eresia e di violenza, e introduce la seconda parte dedicata principalmente ai peccati di frode, che occuperanno in tutto tredici Canti (XVIII-XXX, quindi più di un terzo dell'Inferno: ciò si spiega con l'importanza che tali peccati avevano, per Dante, nella decadenza morale del suo tempo). L'episodio è quindi una sorta di pausa narrativa che precede la discesa dal VII Cerchio alle Malebolge in groppa a Gerione, il mostro mitologico che è il protagonista del Canto e il cui apparire era stato evocato in modo enigmatico alla fine del XVI, creando un'atmosfera di attesa simile a quella del messo celeste fra i Canti VIII-IX. Con la differenza che Gerione non è un inviato di Dio ma un orrendo animale che simboleggia la frode, il peccato che si sconta nell'VIII Cerchio: ha il volto ingannevole di un uomo giusto, il corpo di serpente e una coda biforcuta e velenosa simile a quella di uno scorpione, quindi un essere che è infido e pericoloso nonostante un'apparenza rassicurante. Questo aspetto del peccato di frode era già stato anticipato alla fine del Canto precedente, quando Dante aveva messo in guardia gli uomini dai saggi che sono in grado di giudicare non solo gli atti esteriori ma anche l'interiorità, oltre che con la reticenza a descrivere Gerione in quanto certe verità hanno faccia di menzogna.
Gerione è inoltre una figura demoniaca che non si oppone al passaggio dei due poeti, collabora anzi con loro sia pur dopo l'opera di persuasione di Virgilio (in modo simile ai centauri e, come vedremo, ai giganti). Ignoriamo cosa dica il maestro al mostro per convincerlo a portare lui e Dante sulle spalle, ma Virgilio riesce nel suo intento e alla fine del Canto Gerione è una sorta di docile strumento nelle sue mani, simile a un falcone che volteggia nell'aria richiamato dal suo padrone. Più che un volo, la sua discesa è simile a quella di un animale che nuota nell'aria spessa, come del resto l'aveva già descritto Dante alla fine del Canto XVI: di lui non sono descritte ali, anche se la coda potrebbe far pensare che abbia corpo di drago, bestia dal significato demoniaco che nel Medioevo era spesso rappresentata alata e dotata di una coda maligna. È difficile dire da dove Dante abbia tratto questo aspetto che attribuisce al personaggio mitologico, che era in realtà un malefico gigante dai tre busti, tuttavia una leggenda medievale ripresa da Boccaccio descriveva Gerione come un re che uccideva i suoi ospiti, mentre le locuste dell'Apocalisse avevano faccia umana e coda di scorpione. Non si può escludere che Dante abbia fuso insieme tutti questi elementi per creare questa sozza imagine di froda che custodisce le Malebolge, usando al contempo gli elementi propri della sua fantasia poetica.
Incastonato per così dire nell'episodio di Gerione c'è poi quello minore degli usurai, i peccatori che Dante va a visitare da solo mentre Virgilio è impegnato a convincere il mostro. Il tema dell'usura si ricollega al lamento sulla triste condizione politica e morale di Firenze che era al centro del colloquio coi tre sodomiti, in cui Dante aveva puntato il dito contro la sete di denaro e i guadagni facili della gente nova, i contadini inurbati che praticavano cambio e mercatura. Anche qui sono citati indirettamente usurai appartenenti a famiglie fiorentine, mentre Reginaldo Scrovegni profetizza la dannazione di Giovanni di Buiamonte dei Becchi, di famiglia nobile e recentemente insignito del titolo di cavaliere. L'accusa all'avarizia degli usurai che sfruttano il denaro per arricchirsi è la necessaria premessa alla discesa nel Cerchio dove è punita la frode, che spesso ha come fine proprio l'arricchimento personale: la ricchezza non è certo garanzia di salvezza spirituale, come dimostra il caso di Reginaldo che appartenne a una potente famiglia padovana e il cui figlio, Arrico, fece costruire la celebre cappella affrescata da Giotto a espiazione dei peccati del padre. Come spesso accade nel poema, Dante individua nel denaro la fonte della corruzione morale e del disordine politico del suo tempo, accusando la sua città di esserne il centro malefico: Folchetto di Marsiglia tuonerà contro il maladetto fiore, il fiorino che ha diffuso l'avarizia tra i prelati, e discorso analogo farà Cacciaguida nei Canti centrali del Paradiso.
Molto efficace, infine, l'idea di appendere al collo degli usurai una borsa con lo stemma di famiglia, che tra l'altro preannuncia in parte il tema della zona successiva dell'Inferno (le Bolge, dal momento che la parola bolgia in volgare fiorentino significava proprio «borsa»).

Testo

«Ecco la fiera con la coda aguzza, 
che passa i monti, e rompe i muri e l’armi! 
Ecco colei che tutto ’l mondo appuzza!».                       3

Sì cominciò lo mio duca a parlarmi; 
e accennolle che venisse a proda 
vicino al fin d’i passeggiati marmi.                                 6

E quella sozza imagine di froda 
sen venne, e arrivò la testa e ’l busto, 
ma ’n su la riva non trasse la coda.                                9

La faccia sua era faccia d’uom giusto, 
tanto benigna avea di fuor la pelle, 
e d’un serpente tutto l’altro fusto;                                   12

due branche avea pilose insin l’ascelle; 
lo dosso e ’l petto e ambedue le coste 
dipinti avea di nodi e di rotelle.                                       15

Con più color, sommesse e sovraposte 
non fer mai drappi Tartari né Turchi, 
né fuor tai tele per Aragne imposte.                               18

Come tal volta stanno a riva i burchi, 
che parte sono in acqua e parte in terra, 
e come là tra li Tedeschi lurchi                                       21

lo bivero s’assetta a far sua guerra, 
così la fiera pessima si stava 
su l’orlo ch’è di pietra e ’l sabbion serra.                     24

Nel vano tutta sua coda guizzava, 
torcendo in sù la venenosa forca 
ch’a guisa di scorpion la punta armava.                       27

Lo duca disse: «Or convien che si torca 
la nostra via un poco insino a quella 
bestia malvagia che colà si corca».                              30

Però scendemmo a la destra mammella, 
e diece passi femmo in su lo stremo, 
per ben cessar la rena e la fiammella.                         33

E quando noi a lei venuti semo, 
poco più oltre veggio in su la rena 
gente seder propinqua al loco scemo.                         36

Quivi ’l maestro «Acciò che tutta piena 
esperienza d’esto giron porti», 
mi disse, «va, e vedi la lor mena.                                   39

Li tuoi ragionamenti sian là corti: 
mentre che torni, parlerò con questa, 
che ne conceda i suoi omeri forti».                                42

Così ancor su per la strema testa 
di quel settimo cerchio tutto solo 
andai, dove sedea la gente mesta.                                45

Per li occhi fora scoppiava lor duolo; 
e di qua, di là soccorrien con le mani 
quando a’ vapori, e quando al caldo suolo:                 48

non altrimenti fan di state i cani 
or col ceffo, or col piè, quando son morsi 
o da pulci o da mosche o da tafani.                               51

Poi che nel viso a certi li occhi porsi, 
ne’ quali ’l doloroso foco casca, 
non ne conobbi alcun; ma io m’accorsi                        54

che dal collo a ciascun pendea una tasca 
ch’avea certo colore e certo segno, 
e quindi par che ’l loro occhio si pasca.                       57

E com’io riguardando tra lor vegno, 
in una borsa gialla vidi azzurro 
che d’un leone avea faccia e contegno.                        60

Poi, procedendo di mio sguardo il curro, 
vidine un’altra come sangue rossa, 
mostrando un’oca bianca più che burro.                      63

E un che d’una scrofa azzurra e grossa 
segnato avea lo suo sacchetto bianco, 
mi disse: «Che fai tu in questa fossa?                         66

Or te ne va; e perché se’ vivo anco, 
sappi che ’l mio vicin Vitaliano 
sederà qui dal mio sinistro fianco.                                 69

Con questi Fiorentin son padoano: 
spesse fiate mi ’ntronan li orecchi 
gridando: "Vegna ’l cavalier sovrano,                             72

che recherà la tasca con tre becchi!"». 
Qui distorse la bocca e di fuor trasse 
la lingua, come bue che ’l naso lecchi.                         75

E io, temendo no ’l più star crucciasse 
lui che di poco star m’avea ’mmonito, 
torna’ mi in dietro da l’anime lasse.                              78

Trova’ il duca mio ch’era salito 
già su la groppa del fiero animale, 
e disse a me: «Or sie forte e ardito.                               81

Omai si scende per sì fatte scale: 
monta dinanzi, ch’i’ voglio esser mezzo, 
sì che la coda non possa far male».                             84

Qual è colui che sì presso ha ’l riprezzo 
de la quartana, c’ha già l’unghie smorte, 
e triema tutto pur guardando ’l rezzo,                             87

tal divenn’io a le parole porte; 
ma vergogna mi fé le sue minacce, 
che innanzi a buon segnor fa servo forte.                      90

I’ m’assettai in su quelle spallacce; 
sì volli dir, ma la voce non venne 
com’io credetti: ’Fa che tu m’abbracce’.                        93

Ma esso, ch’altra volta mi sovvenne 
ad altro forse, tosto ch’i’ montai 
con le braccia m’avvinse e mi sostenne;                      96

e disse: «Gerion, moviti omai: 
le rote larghe e lo scender sia poco: 
pensa la nova soma che tu hai».                                   99

Come la navicella esce di loco 
in dietro in dietro, sì quindi si tolse; 
e poi ch’al tutto si sentì a gioco,                                    102

là ’v’era ’l petto, la coda rivolse, 
e quella tesa, come anguilla, mosse, 
e con le branche l’aere a sé raccolse.                         105

Maggior paura non credo che fosse 
quando Fetonte abbandonò li freni, 
per che ’l ciel, come pare ancor, si cosse;                  108

né quando Icaro misero le reni 
sentì spennar per la scaldata cera, 
gridando il padre a lui «Mala via tieni!»,                       111

che fu la mia, quando vidi ch’i’ era 
ne l’aere d’ogne parte, e vidi spenta 
ogne veduta fuor che de la fera.                                    114

Ella sen va notando lenta lenta: 
rota e discende, ma non me n’accorgo 
se non che al viso e di sotto mi venta.                         117

Io sentia già da la man destra il gorgo 
far sotto noi un orribile scroscio, 
per che con li occhi ’n giù la testa sporgo.                  120

Allor fu’ io più timido a lo stoscio, 
però ch’i’ vidi fuochi e senti’ pianti; 
ond’io tremando tutto mi raccoscio.                             123

E vidi poi, ché nol vedea davanti, 
lo scendere e ’l girar per li gran mali 
che s’appressavan da diversi canti.                             126

Come ’l falcon ch’è stato assai su l’ali, 
che sanza veder logoro o uccello 
fa dire al falconiere «Omè, tu cali!»,                             129

discende lasso onde si move isnello, 
per cento rote, e da lunge si pone 
dal suo maestro, disdegnoso e fello;                          132

così ne puose al fondo Gerione 
al piè al piè de la stagliata rocca 
e, discarcate le nostre persone, 

si dileguò come da corda cocca.                                  136

Parafrasi

Ecco la belva con la coda appuntita, che passa le montagne e spezza muri e difese! Ecco colei che ammorba tutto il mondo col suo fetore!»
Così iniziò a parlarmi il mio maestro; e fece cenno al mostro di venire all'orlo del Cerchio, vicino alla fine dell'argine in pietra.
E quella sudicia immagine di frode si avvicinò, sporgendo la testa e il busto ma tenendo la coda lontana dall'orlo.
Aveva il volto di un uomo giusto, tanto rassicurante era il suo aspetto, mentre il resto del corpo era di serpente;
aveva due zampe pelose che arrivavano alle ascelle; il dorso e il petto ed entrambi i fianchi erano dipinti di nodi e rotelle.
Né i Tartari né i Turchi produssero mai tessuti con più colori, ricami di sfondo e a rilievo, né Aracne realizzò mai tele siffatte.
Come talvolta i burchielli (imbarcazioni) stanno a riva e tengono parte dello scafo in acqua e parte a terra,
e come là fra i tedeschi beoni (nei paesi nordici) il castoro si prepara a catturare la preda (emergendo in parte dal fiume),
così l'orribile bestia stava sull'orlo, che è in pietra e circonda il sabbione.

La sua coda guizzava tutta nel vuoto, volgendo in alto la forbice velenosa che aveva un pungiglione simile a quello dello scorpione.
Il maestro mi disse: «Ora è necessario che il nostro cammino devii un poco fino a quella bestia malvagia, coricata laggiù».
Perciò scendemmo dall'argine sul lato destro, e facemmo dieci passi sull'orlo del Cerchio, stando attenti a evitare la sabbia e la pioggia di fuoco.
E quando giungemmo a lei, vidi poco più lontano dei dannati seduti sulla sabbia, vicini all'orlo del baratro.
Qui il maestro mi disse: «Affinché la tua esperienza in questo girone sia completa, va' e osserva la loro pena.
I tuoi discorsi là non siano lunghi: aspettando il tuo ritorno, parlerò con questa belva per convincerla a concederci le sue forti spalle (per portarci in groppa)».
Così me ne andai tutto solo sull'estremo orlo di quel VII Cerchio, dove sedevano i mesti dannati.
Il dolore prorompeva fuori dai loro occhi ;  e da una parte e dall'altra cercavano di darsi sollievo con le mani,
per ripararsi dalla pioggia infuocata e dalla sabbia rovente:
non diversamente fanno i cani in estate, col muso e con la zampa, quando sono morsi da pulci, da mosche o da tafani.
Dopo che osservai con lo sguardo il viso di alcuni di loro, sui quali cadeva il fuoco doloroso, non ne riconobbi nessuno;
ma mi accorsi che a ciascuno pendeva dal collo una borsa, che recava un certo colore e un certo stemma (quello della famiglia)
e sembrava che il loro occhio traesse nutrimento da essa.

E mentre guardavo tra di loro, vidi su una borsa gialla una figura azzurra che sembrava un leone dall'aspetto e dal portamento (lo stemma dei Gianfigliazzi).
Poi, spingendo oltre il corso del mio sguardo, ne vidi un'altra di color rosso sangue, che recava la figura di un'oca più bianca del burro (lo stemma degli Obriachi).
E un dannato, che aveva una borsa bianca con l'immagine di una grossa scrofa azzurra (lo stemma degli Scrovegni), mi disse: «Cosa fai tu in questo Inferno?
Ora vattene; e poiché sei ancora vivo, sappi che presto siederà qui alla mia sinistra il mio concittadino Vitaliano del Dente.
Io sono padovano e sto qui con questi fiorentini: molte volte mi urlano nelle orecchie, gridando:
"Venga il nobile cavaliere, che porterà qui la borsa col simbolo dei tre caproni!" (Giovanni di Buiamonte)».
A quel punto storse la bocca e tirò fuori la lingua, come un bue che si lecchi il naso.

E io, temendo che il trattenermi oltre irritasse colui che mi aveva ammonito a restare lì per poco, mi allontanai dalle tristi anime.
Ritrovai il mio maestro che era già montato sulla groppa del feroce animale, e mi disse: «Ora sii forte e coraggioso.
Ormai dobbiamo scendere in questo modo: sali davanti a me, poiché voglio essere nel mezzo tra te e la coda (di Gerione), perché non possa nuocerti».
Come colui che ha così vicino il ribrezzo della febbre quartana che ha già le unghie livide, e trema tutto solo guardando l'ombra,
così divenni io nell'udire quelle parole; ma la vergogna, che rende il servo coraggioso davanti al buon padrone, mi fece le sue minacce.
Io mi sedetti sopra quelle orribili spalle; avrei voluto dire a Virgilio 'Abbracciami forte', ma la voce non venne fuori come credevo.
Invece Virgilio, che altre volte mi soccorse in altre situazioni dubbiose, non appena montai mi cinse con le braccia e mi tenne forte;
e disse: «Gerione, è tempo che tu ti muova: scendi lentamente, facendo ampi giri nell'aria: bada al peso che porti e a cui non sei abituato».
Come la navicella lascia la proda procedendo all'indietro, così Gerione si allontanò dall'orlo; e dopo che si sentì pienamente a suo agio,
rivolse la coda dov'era il petto e la mosse tendendola, come un'anguilla, e iniziò a dare bracciate nell'aria con le zampe pelose.

Non credo che Fetonte avesse più paura quando lasciò le redini (del carro del Sole), per cui - come ancora appare - il cielo si incendiò; 
né (ebbe più paura) il misero Icaro, quando si sentì spennare la schiena dalla cera surriscaldata, mentre il padre gli gridava: «Stai sbagliando strada!»,
rispetto alla paura che ebbi io, quando vidi che mi trovavo nell'aria da ogni lato e non vidi più nulla eccetto la belva.
Essa procedeva, nuotando lentamente: girava e scendeva, ma io non me ne accorgevo se non per il fatto che sentivo il vento sul viso e sotto le gambe.
Io udivo già alla mia destra la cascata (del Flegetonte) che faceva un orribile scroscio sotto di noi, per cui sporsi la testa in basso e guardai.
Allora ebbi più paura di cadere, perché vidi dei fuochi e udii dei lamenti; allora, tremando, strinsi di più le cosce.
E vidi poi ciò che prima non vedevo, cioè che stavamo scendendo e ruotando, perché si avvicinavano da diversi lati i grandi tormenti dei dannati.
Come il falcone che ha volato a lungo, e che non avendo visto né il logoro né un uccello induce il falconiere a dire: «Ahimè, devi scendere!»,
e quello scende stanco nel luogo da cui si muove agile, facendo cento giri nell'aria e si posa lontano dal suo padrone, disdegnoso e riottoso;

così Gerione ci depose a terra, proprio sul fondo di quel baratro a strapiombo, e una volta che ebbe scaricato i nostri corpi, svanì come una freccia scoccata da un arco.


Eugenio Caruso - 01-08-2019

LOGO

Tratto da

1

www.impresaoggi.com