Sezioni   Naviga Articoli e Testi
stampa

 

        Inserisci una voce nel rettangolo "ricerca personalizzata" e premi il tasto rosso per la ricerca.

Bernardo Caprotti e la Esselunga


INVENTORI E GRANDI IMPRENDITORI

In questa sottosezione illustrer˛ la vita di quei capitani d'industria e/o inventori che hanno sostanzialmente contribuito al progresso industriale del mondo occidentale con particolare riguardo dell'Italia.

Personaggi precedenti

A - Giovanni Agnelli - Domenico Agusta - Giovanni Ansaldo - Richard Arkright
B - Karl Benz - Lßszlˇ Jˇzsef BÝrˇ - Coniugi Bissel - William Edward Boeing - Giovanni Borghi - Giuseppe Borletti - Ernesto Breda
C - Eugenio Cantoni - Vittorio Cini - André Gustave Citroen Cristoforo Benigno Crespi
D - Gottlieb Wilhelm Daimler - Ernesto De Angeli - Filippo De Cecco - Rudolf Diesel - Guido Donegani
E - Thomas Edison
F - Giorgio Enrico Falck - Michele Ferrero - Henry Ford
H - Hewlett e Packard
K - Alfred Krupp
M - Franco Marinotti - Fratelli Michelin -
O - Adriano Olivetti
P - Armand Peugeot - Enrico Piaggio - Stephen Poplawski - Ferdinand Porsche
R - Louis Renault - John Davison Rochefeller - Nicola Romeo
S - Alfred Sloan - Otto Sundbńck
T - Franco Tosi
V - Vittorio Valletta - Giuseppe Volpi

caprotti

Bernardo Caprotti

Bernardo Caprotti nasce a Milano il 7 ottobre del 1925. Il suo nome Ŕ legato al celebre marchio Esselunga, la catena di supermercati nazionali fiorita in pieno boom economico, negli anni '50, con stabilimenti in gran parte del centro e del nord Italia.
Le sue origini sono quelle della ricca borghesia lombarda: la famiglia Caprotti fa parte di un gruppo di industriali impegnati nel settore tessile, specialmente nel cotone. Il giovane Bernardo consegue prima la maturitÓ classica e poi, all'UniversitÓ Statale di Milano, la laurea in Legge.
Nel 1951 suo padre decide di mandarlo negli Stati Uniti, con il fine di fargli recepire quegli aggiornamenti tecnici e manageriali che, al ritorno, avrebbero potuto giovare all'industria di famiglia. In questo periodo Ŕ ancora il tessile, il versante lavorativo nel quale viene coinvolto il futuro imprenditore.
In America, Bernardo Caprotti lavora sodo, dandosi da fare nelle catene di montaggio di carde, nei filatoi continui ad anello, profondendo le proprie conoscenze dei telai e, anche, della cosiddetta "borsa cotoni" di Wall Street. Le sue acquisizioni, in questo periodo trascorso in Usa, vanno dalle competenze legate alla montatura meccanica dei tessuti, con tutti i macchinari del caso, sino agli aspetti finanziari legati all'impresa del tessile, come testimonia l'esperienza a Wall Street.
Agli inizi del 1952, dopo circa un anno passato oltreoceano, comincia a lavorare nell'industria manifatturiera di famiglia, che in quegli anni ha nome "Manifattura Caprotti". Nell'estate dello stesso anno per˛ il giovane Bernardo deve prendere in mano l'intero lavoro, perchÚ il padre viene improvvisamente a mancare. Cosý, avvalendosi anche dell'aiuto dei suoi fratelli, assume la direzione dell'azienda cotoniera di famiglia.
Dopo cinque anni, nel 1957, il gruppo Rockefeller propone alla famiglia Caprotti di entrare in una join venture nella nascente fondazione della Supermarkets Italiani Spa: la futura Esselunga. ╚ in pratica la prima catena di supermercati "all'americana" che nasce nella penisola.
Bernardo Caprotti intuisce i vantaggi dell'operazione, soprattutto in prospettiva futura, ed entra nell'affare proposto da Nelson Rockefeller. Da principio, occupandosi ancora e molto dell'industria di manifatture di famiglia, l'imprenditore entra con una quota del 18%, in rappresentanza di ciascuno dei fratelli Caprotti, ossia Bernardo, Guido e Claudio. Con loro, fanno parte dell'operazione alcune delle famiglie pi¨ in vista di Milano e della Lombardia, come i Crespi, con il 16%, e l'imprenditore Marco Brunelli, che ne controlla il 10%.
In realtÓ, tutto sarebbe nato quasi per caso e si dovrebbe a un'intuizione di Guido Caprotti e dello stesso Brunelli, amici ed entrambi in vacanza, nel 1957, nella localitÓ di Saint Moritz. Nei saloni dell'hotel Palace i due avrebbero ascoltato i fratelli Brustio, altra famiglia in vista dell'alta borghesia lombarda, per giunta dirigenti del gruppo "La Rinascente", discutere sull'eventualitÓ di una catena di supermercati italiani in procinto di nascere per iniziativa del magnate americano Rockefeller. Solo alcuni mesi dopo, a seguito di alcuni attriti sopraggiunti, i Caprotti decidono di sostituire i Brustio nell'affare Supermarkets Italia.
L'inaugurazione del primo punto vendita risale al 27 novembre del 1957 in una ex-officina di viale Regina Giovanna, a Milano. Il pubblicitario Max Huber, pone una "S" con la parte superiore allungata che arriva fino alla fine della scritta "Supermarket", con cui nasce l'avventura commerciale lanciata da Nelson Rockefeller.
Agli inizi degli anni '60 imperversa una campagna pubblicitaria che recita "Esse lunga, prezzi corti". Caprotti e sodali capiscono che bisogna andare incontro all'immaginario diffuso e che ormai, la loro catena, Ŕ nota soprattutto con questo nome. Cosý, dopo una ristrutturazione aziendale, la societÓ smette di essere "Supermarkets Italia" e diventa ufficialmente "Esselunga".
Parallelamente poi, Bernardo Caprotti, curando gli interessi della sua famiglia, compra da Rockfeller il 51% della societÓ, che di fatto diventa italiana a tutti gli effetti. Il costo dell'operazione Ŕ di 4 milioni di dollari e vede tutti e tre i fratelli Caprotti impegnati, anche se Ŕ Bernardo ad occuparsi delle questioni principali.
Il 9 febbraio del 1961 viene aperto anche il primo punto vendita in Toscana, a Firenze, in via Milanesi. Entro il 1965 l'imprenditore milanese ne assume la piena direzione, alla guida di una catena che conta giÓ quindici supermercati, sparsi tra Milano (10) e Firenze (5). ╚ l'inizio di un'avventura commerciale che porta il marchio Esselunga in tutte le regioni del nord Italia, oltre che in molte localitÓ del Centro.
Nel 1989, sul modello americano, Esselunga inaugura il suo primo "Superstore", nella cittÓ di Firenze, in via di Novoli. Due anni dopo, apre anche il primo centro commerciale, a Marlia, in provincia di Lucca. Intanto, il gruppo apre la sua prima profumeria, che successivamente diventerÓ una catena a parte: "Olimpia BeautÚ".
In quarant'anni di lavoro e investimenti, alla fine del 2006, la societÓ guidata da Caprotti arriva a gestire 132 supermercati, con circa 17.000 dipendenti ed un fatturato intorno ai 5 miliardi di Euro.
Caprotti investe nelle novitÓ. DÓ vita, nel 1994, ad una "fidelity card", una delle prime a livello nazionale. Inoltre Esselunga comincia a porre il marchio su alcuni prodotti specifici.
Negli anni '90 per˛ anche l'imprenditore milanese viene coinvolto in "Tangentopoli". Nel 1996 infatti, Bernardo Caprotti deve patteggiare nove mesi di condanna, a causa di vari illeciti.
Nel 2003 Esselunga apre il primo bar del gruppo, con marchio "Bar Atlantic". Nel 2004 il figlio di Bernardo, Giuseppe Caprotti, cui va il merito di aver lanciato il gruppo nel biologico, viene estromesso dall'azienda.
Il 21 settembre del 2007, a Milano, Bernardo Caprotti presenta il suo libro, dal titolo "Falce e carrello". Tre anni dopo, nel 2010, riceve una laurea ad honorem in architettura, all'universitÓ La Sapienza di Roma. Il 16 settembre del 2011 per˛, a seguito di una disputa giudiziaria durata alcuni anni, Esselunga viene condannata dal Tribunale di Milano: la causa sono le gravi accuse inserite nel libro citato, nel quale l'imprenditore milanese sostiene di aver incontrato difficoltÓ a penetrare col suo marchio nelle cosiddette regioni "rosse", vicine invece alla "Coop". Il risarcimento che Esselunga deve pagare per concorrenza sleale Ŕ di 300.000 euro, oltre al ritiro della pubblicazione dal mercato.
Il 23 dicembre 2013 rassegna le dimissioni da tutte le cariche all?interno dell,azienda. Bernardo Caprotti muore pochi giorni prima di compiere 91 anni a Milano, nel settembre 2016, presso la Casa di Cura Capitanio.



LOGO

biografieonline.it - 31 marzo 2017


Tratto da

1

www.impresaoggi.com